Gli alimentari

Le olive Bella di Cerignola in salamoia rappresentano la bontà e la semplicità delle tradizioni agricole locali. La coltivazione di questa varietà risalirebbe al Quattrocento, a seguito dell’introduzione, da parte degli Aragonesi, di ecotipi provenienti dalla Spagna, ma secondo altre fonti avrebbe un’origine più antica e sarebbe una varietà autoctonacoltivata dai Romani.
La caratteristica che distingue La Bella di Cerignola dalle altre olive è la sua misura, infatti è grande quanto una susina e può pesare fino ad 11 grammi. È unica al mondo non solo per la sua grandezza, ma anche per la sua forma allungata e la sua polpa croccante. Da quasi vent’anni ha ottenuto il marchio DOP ed è diventata un vero e proprio simbolo della Puglia. Ha un gusto dolce e leggero e si distingue dalle altre varietà per la facilità di distacco della polpa dal suo nocciolo.
Noi curiamo l’intero processo produttivo, cercando di eliminare la parte più amara per dare spazio a quella dolce. Il raccolto avviene ai primi di ottobre e una volta giunte in laboratorio si effettua un’ulteriore selezione. Vengono eliminate quelle con qualche imperfezione e le restanti vengono suddivise in base al colore.
Dopo questo passaggio sia le olive verdi, sia quelle nere, vengono lavorate con due metodi differenti: le verdi subiscono un processo di trasformazione, noto come Deamarizzazione che permette di eliminare l’amaro grazie ad una soluzione alcalina e in seguito vengono messe in salamoia per un periodo minimo di trenta giorni; le nere subiscono un processo di trasformazione al naturale in salamoia.
Altre varietà da noi prodotte sono:

  • Leccino
  • Peranzana
  • Termite di Bitetto

Gli antichi metodi di lavorazione, insieme a delle olive coltivate naturalmente senza pesticidi, consentono di ottenere un prodotto fragrante e dal gusto unico e delicato che caratterizzerà i più appetitosi aperitivi.